Instabilità coniugale

Stampa

Instabilità coniugale

Scarica i dati expo_excel
Analisi:
Territorio:
Anno:
Genere:

L'instabilità coniugale è operativizzata tramite il tasso di divorzio calcolato per 1.000 coppie coniugate.

A partire dal 2015 si registra in Piemonte un consistente aumento del numero dei divorzi che raggiungono la quota di 7,3 ogni 1.000 coppie coniugate nel 2019. Per una corretta interpretazione di questi dati occorre tener presente che nel 2015 si palesano gli effetti relativi a due importanti variazioni normative in materia di separazione e di scioglimento delle unioni coniugali. La prima è la legge n. 132/2014, che si pone l’obiettivo di semplificare l’iter delle procedure di separazione e divorzio consensuali in modo tale che sia più rapido e meno oneroso rispetto al procedimento giudiziario. La seconda variazione normativa, nota come Legge sul “divorzio breve”, ha accorciato drasticamente (da tre anni a sei mesi nei casi di separazioni consensuali o a un anno nei casi di separazioni giudiziali) il periodo che deve intercorrere obbligatoriamente tra il provvedimento di separazione e quello di divorzio. Questa variazione normativa ha avuto un effetto “di cadenza”, facendo anticipare nel 2015 una gran parte di quei divorzi che con la vecchia normativa avrebbero visto decorrere i termini temporali non prima del 2016. Si registra pertanto una rottura della serie temporale dei divorzi, che non dipende da un aumento della propensione allo scioglimento delle unioni, ma dai cambiamenti legislativi intercorsi.

Se confrontate con le altre regioni del nord Italia, fatta eccezione della Liguria che presenta i valori più elevati del paese (6,4 ogni 1.000 coppie coniugate), il Piemonte si colloca tra le regioni con il numero di divorzi più elevato, e di conseguenza con una maggiore propensione allo scioglimento delle unioni. 

Nel 2020 si osserva un modesto calo del numero di divorzi, omogeneo per tutte le regioni italiane, da imputare agli effetti della pandemia soprattutto nel periodo delle chiusure degli uffici e delle restrizioni alla mobilità. In particolare, nel caso dei provvedimenti presso i Tribunali, la conclusione dei procedimenti del 2020 ha riguardato separazioni e divorzi iniziati negli anni precedenti.  

ISTAT, Scioglimento e cessazione degli effetti civili del matrimonio
ISTAT, Separazioni personali dei coniugi

amministrazione

area riservata

Cerca