ires50
Home Contesto
18 | 07 | 2019
Indicatori di Contesto
Il Contesto sociale delle province piemontesi (2014-2018)
famiglia3

Gli effetti della crisi hanno colpito l’economia piemontese molto più duramente rispetto alle regioni del Nord Italia con cui tradizionalmente ci confrontiamo. A partire dal 2012, nonostante si intravedano ulteriori cadute del prodotto, si rilevano anche i primi segni di ripresa. In Piemonte, nello specifico, dal 2012 al 2017 il PIL pro-capite segna un incremento dell’8%, raggiungendo valori comunque inferiori alle altre regioni settentrionali.  Le province piemontesi, allo stesso modo, evidenziano una generale ripresa della disponibilità di reddito delle famiglie, in particolar modo Torino e Cuneo segnano un incremento del 6% nel periodo considerato e raggiungono i valori assoluti più elevati (circa 32.000 euro a parità di potere d’acquisto per abitante). La provincia di Novara si caratterizza, invece, per essere la provincia con il maggior incremento del PIL pro-capite, che segna un aumento del 12% nello stesso periodo. 

Per gli altri indicatori di contesto, si osserva un tasso di natalità più basso rispetto al passato, una quota di popolazione anziana in crescita e un tasso di residenti stranieri in crescita in tutte le province, ma più contenuto che nelle altre regioni del Nord, condizioni che confermano il Piemonte un territorio meno dinamico dal punto di vista demografico. Inoltre, nel periodo considerato, si registra un parziale aumento dei livelli di sicurezza pressoché in tutte le province piemontesi. Nell’area metropolitana di Torino si rileva la quota più alta di furti denunciati per 1000 abitanti (32%).   

 





News 2019

omino ok

Il sistema di indicatori SISREG è aggiornato alle ultime annualità disponibili

Amministrazione