ires50
Home Autonomia Sicurezza Basso livello di istruzione
18 | 10 | 2017
Stampa E-mail

Basso livello di istruzione

Tabella in formato excel expo_excel
Analisi:
Territorio:
Anno:
Genere:

Definizione operativa:  
Percentuale di popolazione adulta (25-64 anni) che ha raggiunto un livello di istruzione al massimo della secondaria di primo grado (secondo la classificazione internazionale ISCED 2011, livelli 0-2) sul totale della popolazione adulta in età 25-64 anni.
Tendenze:  
Le competenze che si acquisiscono attraverso il percorso di istruzione formale e le formazione lungo tutto il corso della vita sono fondamentali per meglio affrontare e comprendere il mondo che ci circonda, per saperci muovere all’interno dello stesso, per svolgere lavori maggiormente aderenti alle nostre aspettative, ma anche per meglio sopportare i rischi del mercato del lavoro quali la disoccupazione e la mobilità professionale. Un livello di istruzione basso della popolazione adulta viene quindi considerato come una possibile indicatore di scarsa Autonomia e Sicurezza, soprattutto perché segnala una fragilità di parte della popolazione e una maggiore esposizione al rischio di disoccupazione.
La percentuale di adulti (25-64 anni) che non hanno proseguito gli studi oltre le scuole medie inferiori, in costante diminuzione tra il 1998 e il 2014, è in Piemonte in linea con quella di Veneto e Lombardia, inferiore a quella di Toscana e Valle d’Aosta e poco più elevata di quella delle altre regioni del Nord, ma lo è ancor più rispetto a quella delle altre regioni europee di confronto, eccetto le Comunità autonome della Catalogna e della Castilla y Léon.
Scendendo a livello provinciale possiamo notare che la provincia di Torino mostra frequenze di adulti con bassi livelli di istruzione più contenute. Dai dati si vede un processo di convergenza più veloce delle province in cui sono situate le città maggiori (Novara e Alessandria) verso i livelli di quella torinese, mentre le altre province si stanno avvicinando con maggiore lentezza.
Si può notare un trend di miglioramento più accentuato dei livelli di istruzione delle donne rispetto a quelli degli uomini.
Fonti dei dati:  
EUROSTAT, dati pubblicati nel rapporto intermedio sulla coesione sociale. Dati tratti dall'indagine sulle Forze lavoro (LFS).
Pubblicazioni:  
EUROSTAT, Statistiche dell'istruzione a livello regionale, 2016
 
News 2015

omino ok

Il sistema di indicatori SISREG è aggiornato alle ultime annualità disponibili

Amministrazione