ires50
Home Autonomia Sicurezza Famiglie a bassa intensità lavorativa
12 | 12 | 2017
PDF Stampa E-mail

Famiglie a bassa intensità lavorativa

Tabella in formato excel expo_excel
Analisi:
Territorio:
Anno:
Genere:

Definizione operativa:  
Persone che vivono in famiglie con una intensità lavorativa molto bassa (percentuale della popolazione con meno di 60 anni).
Tendenze:  
Le persone piemontesi che, nel 2013, vivono in famiglie con un’intensità lavorativa molto bassa sono pari al 6,5%, una percentuale simile a quella presente nelle regioni Veneto e Friuli-Venezia Giulia, superiore a quella della Lombardia ma decisamente inferiore a quella della Vale d’Aosta, della Liguria e della Toscana.
Cuneo è la provincia piemontese con la quota più bassa di famiglie senza lavoro (il 3,3% nel 2009) mentre le province orientali, esclusa Novara, sono quelle con le quote maggiori, Vercelli in testa (6,3%).
Note:  
Bassa intensità di lavoro. L'intensità è calcolata considerando in ogni famiglia gli individui in età da lavoro e computando il numero di mesi (nell'anno precedente a quello della rilevazione) in cui hanno lavorato sul totale dei mesi dell'anno; l'intensità si considera molto bassa quando è inferiore al 20%.
Fonti dei dati:  
EUROSTAT, REGIO, NEW CRONOS. Indagine europea sulle Forze lavoro (LFS).
Pubblicazioni:  
 
Amministrazione