ires50
Home Autonomia Sicurezza Povertà relativa
20 | 10 | 2017
PDF Stampa E-mail

Povertà relativa

Tabella in formato excel expo_excel
Analisi:
Territorio:
Anno:
Genere:

Definizione operativa:  
Una famiglia viene definita povera in termini relativi se la sua spesa per consumi è pari o al di sotto della linea di povertà relativa, che viene calcolata sui dati dell’indagine sui consumi delle famiglie. L'incidenza della povertà relativa si calcola come il rapporto tra le famiglie (e numero di persone nelle famiglie) con consumo familiare equivalente inferiore alla linea di povertà sul totale di famiglie residenti (per 100 famiglie residenti).
L’intensità della povertà indica, in termini percentuali, quanto la spesa media mensile delle famiglie classificate come povere sia al di sotto della linea di povertà.
Tendenze:  
Nel 2013 il 5,7% delle famiglie piemontesi è relativamente povero. Tra le regioni del Nord Italia solo in Trentino Alto Adige, Emilia Romagna e Toscana si osserva una incidenza minore della povertà relativa tra le famiglie residenti. In Piemonte, tra il 2008 e il 2013, si osserva un andamento decrescente dell’indicatore, tranne per il 2012 in cui l’incidenza al 7,3% era tra le più elevate tra le regioni del Nord.  
Fonti dei dati:  
ISTAT, Indagine sui consumi delle Famiglie
Pubblicazioni:  
Istat, La povertà in Italia, pubblicato 14 luglio 2016
Istat, La spesa per consumi delle famiglie, pubblicato 7 luglio 2016
OECD Integrating Social Services for Vulnerable Groups 2015
 
News 2015

omino ok

Il sistema di indicatori SISREG è aggiornato alle ultime annualità disponibili

Amministrazione