ires50
Home Autonomia Sicurezza Disoccupazione lunga durata
12 | 12 | 2017
PDF Stampa E-mail

Disoccupazione di lunga durata

Tabella in formato excel expo_excel
Analisi:
Territorio:
Anno:
Genere:

Definizione operativa:  
Il tasso di disoccupazione di lunga durata è la percentuale di persone disoccupate per un periodo superiore ai 12 mesi sul totale dei disoccupati.
Tendenze:  
La strategia Europa 2020 per rilanciare l'economia dell'UE prevede cinque obiettivi ambiziosi, in materia di occupazione, innovazione, istruzione, integrazione sociale ed energia/clima, da raggiungere appunto entro il 2020. Le iniziative prioritarie per l’occupazione sono orientate ad aumentare l’occupabilità dei giovani così come ad aiutare le persone ad acquisire competenze necessarie per future professioni e per creare nuovi posti di lavoro per far sì che il 75% della popolazione in età lavorativa (fascia di età compresa tra i 20-64 anni) abbia un impiego.
La disoccupazione di lunga durata, un indicatore che segnala la difficoltà dopo aver perso il lavoro di ottenere in un lasso di tempo medio (12 mesi) una nuova occupazione, corrisponde ad una quota elevata dei disoccupati piemontesi, pari al 59,5% nel 2014, ed in costante crescita dal 2009. L’allargamento della disoccupazione di lunga durata interessa tutto il territorio nazionale e, negli ultimi anni, ha coinvolto in misura maggiore la componente maschile.
Nelle regioni italiane di confronto (Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Toscana), che storicamente avevano quote di disoccupati di lunga durata inferiori a quelle piemontesi, la situazione è peggiorata a partire dal 2008: tale indicatore, infatti, è costantemente diminuito lungo tutto l'arco degli anni 2000, nel 2008 ha raggiunto un picco in corrispondenza della crisi economico-finanziaria, e, dopo un calo registrato nel 2009, è tornato ad aumentare fino al 2014. In un periodo di difficoltà economica anche quei mercati del lavoro che erano soliti assorbire i disoccupati più velocemente rispetto a quello piemontese si sono trovati in difficoltà.
Note:  
I dati di questa indagine sono quelli che presentano la maggiore completezza rispetto all'archivio di dati di EUROSTAT Regio. I temi collegati al mercato del lavoro e all'occupazione sono quelli in cui disponiamo delle maggior quantità di statistiche sociali, inoltre a livello europeo e internazionale il grado delle armonizzazioni delle fonti è molto elevato.
Gli indicatori (strutturali) sul mercato del lavoro e sull'occupazione vengono inclusi nei piani nazionali per l'occupazione così come utilizzati per la distribuzione dei finanziamenti europei.
Fonti dei dati:  
EUROSTAT, REGIO, NEW CRONOS. Indagine europea sulle Forze lavoro (LFS).
Pubblicazioni:  
Osservatorio Regionale sul Mercato del Lavoro (ORML), Il mercato del lavoro in Piemonte 2015
IRES Piemonte, Cap 5.4 Il mercato del lavoro in Piemonte nel 2015 e nel passaggio al 2016, in Relazione annuale sulla situazione economica, sociale e territoriale del Piemonte 2016
Istat, Occupati e disoccupati - Anno 2016, Comunicato stampa, 30 settembre 2016
Istat, cap. 3 Le dinamiche del mercato del lavoro: una lettura per generazione, in Rapporto annuale, 2016
Eurostat, Europe in figures - Yearbook: Labour market Unemployment and beyond 2016
Risorse on line:  
Rilevazione sulle forze di lavoro
 
Amministrazione